Civile

Il passo carraio va rivendicato e non «accertato»

di Jada C. Ferrero e Silvio Rezzonico

Un condominio di Firenze che aveva citato in tribunale un singolo condòmino per far valere il proprio disconosciuto diritto di passo, pedonale e carrabile - a titolo di proprietà e di comproprietà - si vede infine riconosciute le proprie ragioni dalla Cassazione (sentenza n. 23124/2015). È un cancello ad innescare la guerra legale. L’amministratore condominiale, in origine, ricorre al tribunale per accertare la effettiva proprietà in capo al condòmino di due particelle esclusive e la comproprietà di una ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?