Civile

Compravendita, recesso e risarcimento se si sforano i tempi del preliminare

Francesco Machina Grifeo

In una compravendita immobiliare, in caso di mancata stipula del contratto definitivo a causa di un ritardo nell'esecuzione dei lavori di costruzione, il promissario acquirente, per chiedere il risarcimento del danno, è tenuto soltanto ad allegare il proprio titolo, in questo caso il contratto preliminare. Sarà il debitore a dover dimostrare che il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione per una ragione a lui non riconducibile. Lo ha stabilito il Tribunale di Perugia, con la sentenza 21 ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?