Civile

Compravendita, il termine di decadenza decorre dalla effettiva conoscenza del vizio

Francesco Machina Grifeo

Non può dichiarasi decaduto dalla possibilità di far valere i «vizi» del bene l'acquirente di un appartamento che si accorga della completa assenza delle tubazioni del bagno che avrebbero dovuto condurre l'acqua alla vasca soltanto dopo il rogito. Lo ha stabilito il Tribunale di Milano con la sentenza 14 aprile 2015 n. 4625 chiarendo che ai fini della determinazione del dies a quo da cui far partire i termini di decadenza si debba far riferimento alla effettiva conoscenza del ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?