Professione

Scatta l'«avvertimento» per l'avvocato che usa toni minacciosi con la collega

Francesco Machina Grifeo

Sì alla sanzione disciplinare per l'avvocato che usa toni «minacciosi e intimidatori» verso una propria collega venendo meno ai doveri di probità e correttezza nonché di rispetto reciproco. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 18075/2015 , respingendo il ricorso di un legale contro la sanzione dell'«avvertimento» comminatagli dall'ordine degli avvocati di Vicenza e successivamente confermata dal Consiglio nazionale forense. La vicenda - Il caso partiva da una comunicazione redatta dal ricorrente in cui accusava ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?