Civile

Danno da condotta anticoncorrenziale, il giudice è tenuto all’esercizio di poteri d’indagine

di Michele Nico

Con la sentenza n. 11564 del 4 giugno 2015 la Corte di Cassazione, sezione I, afferma che, in considerazione dell'asimmetria informativa che connota il funzionamento del libero mercato e della conseguente gravosità dell'onere della prova afferente gli eventi di natura economica, la tutela del diritto al risarcimento del danno da condotta anticoncorrenziale impone che il giudice si discosti dall'applicazione meccanica del principio dell'onere della prova ed eserciti autonomi poteri d'indagine, fermo restando il rispetto del contraddittorio. Il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?