Civile

I primi sintomi della demenza non invalidano il testamento olografo

Francesco Machina Grifeo

«Disorientamento» e «confusione mentale» non sono elementi sufficienti a dedurre l'incapacità naturale del testatore con conseguente annullamento del testamento olografo neppure se sono i primi sintomi di una malattia progressiva. Lo ha stabilito il Tribunale di Firenze con la sentenza del 28 gennaio 2015 n. 285 respingendo, sotto questo profilo, la domanda di un figlio del de cuius. Il caso - La vicenda vedeva opposti due fratelli eredi di un piccolo imprenditore tessile che nel testare aveva ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?