Civile

Reato di “abbandono di animali” al proprietario che non si prende cura del suo cane

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il reato di abbandono di animali è da ritenere configurato non solo in caso di sevizie, torture e crudeltà caratterizzate da dolo nei confronti dell'animale, ma anche in caso di comportamenti colposi di incuria, inerzia o indifferenza da parte del proprietario dell'animale. Da ciò segue che la carenza di cibo, la costrizione in ambienti sporchi e non adeguati per un cane di grossa stazza sono elementi che possono portare alla condanna del proprietario per abbandono e, altresì, costituire, nel ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?