Civile

Prelievi di Dna: il magistrato valuta il rifiuto di sottoporsi all’esame

di Mario Piselli

Nel giudizio promosso per la dichiarazione giudiziale di paternità naturale, il rifiuto ingiustificato di sottoporsi agli esami ematologici può essere liberamente valutato dal giudice, ai sensi dell’articolo 116, comma 2, del Cpc , anche in assenza di prova dei rapporti sessuali tra la madre e la persona di cui si assume la paternità. Lo ha affermato la sezione I della Suprema corte con la sentenza 25 marzo 2015 n. 6025. Il precedente della Cassazione - Con una recente ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?