Civile

Processo telematico, i rischi di un’eccessiva burocratizzazione

Giuseppe Sileci

Sta cominciando a farsi strada il convincimento che il processo civile telematico rischi – paradossalmente – di rallentare i tempi della giustizia perché, a differenza del fascicolo cartaceo, rende più faticoso il lavoro del giudice che, complici le modeste dotazioni informatiche fornite dal ministero, è costretto ad una faticosa ricerca degli atti rilevanti e ad una ancora più faticosa lettura mediante un terminale video. Da qui l'idea delle «copie di cortesia» che, a prescindere da alcuni provvedimenti abnormi come ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?