Civile

Il giudice corrotto resta sospeso anche dopo cinque anni

di Patrizia Maciocchi

La misura cautelare di sospensione dalle funzioni e dallo stipendio applicata al magistrato in sede disciplinare, in seguito a una condanna penale non definitiva resta valida anche dopo cinque anni dall’applicazione. Né la toga accusata di un delitto non colposo per il quale è prevista una pena detentiva può chiedere la revisione dell’assegno alimentare fissato nei due terzi dello stipendio. Le Sezioni unite della Corte di cassazione con la sentenza 1239 , escludono la possibilità di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?