Civile

Colpa grave per chi simula un contratto pur volendo arrecare pregiudizio alla Pa

Giampaolo Piagnerelli

Agisce con colpa grave e quindi è tenuto al risarcimento il soggetto che - sapendo le possibili conseguenze economiche di una pronuncia penale - muti la propria posizione di proprietario di un terreno per il quale sia stato condannato, cedendo (con contratto ritenuto dalla parte stessa simulato) numerose quote alla moglie. Il tutto con evidente danno per l’amministrazione risultata vincente in sede civile e penale. A chiarirlola Cassazione con sentenza n. 817/2015. La vicenda finita sul tavolo dei Supremi ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?