Civile

La Consulta boccia la maxi sanzione del 2006 sul lavoro nero

di Francesco Machina Grifeo

È incostituzionale, in quanto «sproporzionata» e «irragionevole», la previsione di una «sanzione fissa» di 3mila euro per l'omesso versamento dei contributi previdenziali «indipendentemente dalla durata» della prestazione lavorativa. La Corte costituzionale, con la sentenza 254/2014 , ha bocciato la cd. «maxi sanzione» contro il lavoro nero, voluta nel luglio 2006 dal governo Prodi, e rimpiazzata quattro anni dopo col ritorno (maggiorato) al vecchio criterio agganciato invece alla durata dell'infrazione. Il caso - La vicenda origina da un contratto ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?