Civile

L'opzione per l'indennità sostitutiva chiude il rapporto

di Giampiero Falasca

La rinuncia alla reintegrazione sul posto di lavoro (conseguente a licenziamento illegittimo) in favore del pagamento dell'indennità sostitutiva di 15 mensilità determina l'immediata risoluzione del rapporto di lavoro; pertanto l'eventuale ritardo del datore di lavoro nel pagamento dell'indennità non comporta la permanenza in vita del rapporto di lavoro e la decorrenza dell'obbligazione retributiva. Con questa pronuncia le Sezioni Unite della Corte di cassazione (sentenza 18353 , depositata ieri) mettono la parola fine ad uno dei dibattiti giurisprudenziali più accesi ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?