Civile

Bocciato il vincolo di destinazione puro: non tutela i creditori

Angelo Busani

Fonte: Il Sole24 OreIl vincolo di destinazione previsto all'articolo 2645-ter del Codice civile non può essere autonomamente istituito da un soggetto, su beni esistenti nel suo patrimonio, senza collegarsi ad altro negozio dotato di autonoma causa. In altri termini, sarebbe inammissibile il «negozio destinatorio puro» (perché contrario alla responsabilità patrimoniale del debitore di cui all'articolo 2740 del Codice civile ) mentre ammissibile sarebbe il vincolo di destinazione a una sistemazione patrimoniale che sia giustificata da autonome ragioni. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?