Civile

Pensione piena per l'avvocato che lavora all'estero e versa i contributi in Italia

Fonte: Guida al Diritto Ai fini pensionistici, la «continuità» dell'attività dell'avvocato può essere desunta anche da elementi diversi dal reddito prodotto. Con questa motivazione la Corte di cassazione, sentenza 4584/2014 , ha rigettato il ricorso della Cassa forense che chiedeva di detrarre dalla pensione di vecchiaia di un legale gli anni nei quali il professionista svolgendo la sua attività interamente all'estero (in Australia in favore del consolato italiano e di alcuni entri di patronato) aveva continuato ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?