Civile

Non licenziabile il dipendente che scarica ‘emule’

Fonte: Guida al Diritto Non può essere licenziato il dipendente che scarica gratuitamente programmi direttamente dal pc d'ufficio anche se l'azienda non aveva autorizzato l'installazione. Lo ha sottolineato la Corte di cassazione, con la sentenza 26379/2013, giudicando "eccessivo" il licenziamento inflitto ad un dipendente della Bristol Myers Squibb di Roma, M.C., per avere installato 'eMule', software non autorizzato dall'azienda e di averlo utilizzato in violazione della 'policy aziendale' e del 'codice di comportamento'. A detta ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?