Amministrativo

Dalla Corte Ue nuovi limiti agli appalti «in house»

di Mauro Salerno

Niente appalti in house a controllate che svolgono una quota rilevante di attività per altre aziende, anche se si tratta di amministrazioni pubbliche. Con la sentenza C-553/15 la Corte di Giustizia europea fissa un altro paletto al recinto di regole che permettono l'assegnazione in via diretta di contratti tra enti pubblici (i cosiddetti appalti «in house») derogando alla regola generale che impone di mettere il contratto sul mercato, avviando una gara formale aperta quanto più possibile alle imprese ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?