Amministrativo

Consiglio di Stato, no all'interdittiva a cascata

di Francesco Clemente

L'informativa interdittiva antimafia per l'impresa consorziata, non può essere adottata in automatico solo perché nello stesso consorzio l'impresa associata con quota rilevante è stata a sua volta interdetta per mafia: gli effettivi rischi di infiltrazione mafiosa devono essere provati con «autonomo accertamento istruttorio». Il Consiglio di Stato – con la sentenza 923/2016 – ha bocciato così uno dei motivi del ricorso presentato da un'impresa che si era aggiudicata un appalto comunale per il servizio di igiene urbana da ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?