LE NOTIFICHE DELLE RENDITE SI IMPUGNANO IN 60 GIORNI

LA DOMANDA Nel 2016, con Docfa (Documenti catasto fabbricati), un professionista, a seguito di variazioni, frazionò una unità immobiliare in due unità. La vecchia rendita catastale, datata anno 1965, ammontava a 32.000 euro; la nuova rendita catastale, proposta dal professionista utilizzando i riferimenti catastali dell'epoca censuaria 1988/1989, ammontava complessivamente a 15.000 euro. Nel 2017, a seguito di sopralluogo, l'ufficio ha variato la rendita a 33.000 euro, ex Dm 701/1994.Sono già trascorsi 60 giorni dalla notifica: è possibile fare ricorso, in quanto sembrerebbe illegittimo assegnare oggi, utilizzando i parametri catastali 1988/1989, una rendita catastale molto inferiore, a fabbricato immutato, a quella assegnata nel 1965 e poi rettificata?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?