IL CRITERIO DI CALCOLO PER LA «FINE LAVORI»

LA DOMANDA Il regolamento edilizio di un Comune prevede una sanzione per il ritardo nella comunicazione di fine dei lavori. L'inizio dei lavori fu dato il 19 aprile di tre anni fa, contestualmente alla presentazione della Scia (segnalazione certificata di inizio attività). Il 19 aprile di quest'anno ho comunicato di avere ultimato i lavori e, nello stesso giorno, ho protocollato in Comune la relativa comunicazione. L'ufficio edilizia del Comune emette una sanzione, motivando che la fine dei lavori è stata comunicata "oltre il termine previsto dalla legge (tre anni)", che, secondo l'ente, era il 18 aprile. Secondo i calcoli processuali, ritengo che non dovrei avere sforato questo termine, che sarebbe scaduto proprio il 19 aprile. Qual è il parere dell'esperto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?