RESPONSABILITÀ DEI PADRONI QUANDO I CANI DISTURBANO

LA DOMANDA Abito in un strada antica di circa 70 metri, chiusa da una piazzetta panoramica, in una casa scelta - nonostante un costo elevato (affitto) - perché silenziosa e con muri di tufo enormi, che attutiscono la propagazione di suoni all'esterno, essendo io un pianista classico. I proprietari di cani che abitano in zona, che negli ultimi anni sono aumentati enormemente, vengono in media 30/40 volte al giorno nella mia strada e spesso lasciano liberi gli animali (ripulendo raramente gli escrementi, per cui si può immaginare il cattivo odore dopo settimane senza pioggia). Abito al piano rialzato e le mie tre finestre affacciano sulla piazzetta, dove due abitanti verso le 6.30 hanno l'abitudine di far uscire da soli i cani, che puntualmente abbaiano svegliandomi di colpo. Nonostante abbia chiesto - per civiltà - di posticipare l'uscita dei cani almeno alle 7.30, non c'è stato niente da fare. Come dovrei comportarmi?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?