LO SCARICO DELLA CALDAIA NELLA CANNA DEL VICINO

LA DOMANDA La mia villetta a schiera è parte di un condominio orizzontale di otto unità. Ogni unità abitativa è dotata di canna fumaria in cemento a uso esclusivo, e la mia percorre il muro interno per tutta la sua lunghezza (dalla centrale termica posta in taverna, fino al tetto).Uno dei miei vicini (che non ha muri confinanti con la mia casa, perché tra noi si interpone un'altra unità abitativa) si è accorto recentemente che lo scarico della sua caldaia è collegato alla mia canna fumaria tramite un tubo orizzontale di circa quattro metri, che in parte percorre il vialetto comune (ovviamente sotto terra). Si deduce quindi che lui sia privo di canna fumaria.Tale collegamento ha origine sicuramente dalla costruzione del complesso, circa 20 anni fa. Ci sono margini per chiederne il distacco?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?