SENZA REQUISITO SOGGETTIVO LA DIFFORMITÀ È SOSTANZIALE

LA DOMANDA Circa dieci anni fa ho costruito un casa rurale su terreno agricolo, con volumetria maggiore rispetto alla concessione rilasciata, ma realizzabile in base alla norma edilizia vigente per gli imprenditori agricoli a titolo principale (titolo che all'epoca non possedevo). Oggi sono un imprenditore agricolo a titolo principale, con certificato e partita Iva. Visto che l'articolo 36 del Dpr 380/2011 permette di sanare gli abusi formali (cioè, conformi alla disciplina urbanistica sia al momento della realizzazione, sia al momento della richiesta di sanatoria), e visto che in questo caso l'abuso riguarda solo il mio titolo (che all'epoca mancava), posso avere un permesso in sanatoria? Insomma, può il mio abuso essere condierato "formale"?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?