L'INVIO MEDIANTE PEC SERVE PER LA «DATA CERTA»

LA DOMANDA In considerazione del fatto che Poste Italiane non appone più il timbro per "data certa" sui documenti privati, gradirei capire se la scansione di un contratto di agenzia, composto da più pagine e firmato manualmente (non digitalmente), e l'invio dello stesso come allegato via Pec (posta elettronica certificata), da una casella Pec a un'altra casella Pec, può essere utilizzato come prova di "data certa" opponibile a terzi in caso di contenzioso.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?