ANNULLABILE LA DELIBERA CON IL COMPENSO EXTRA

LA DOMANDA Nel corso dell'ultima assemblea di condominio l'amministratore ha chiesto e ottenuto un compenso extra del 2 per cento, non previsto da contratto, per lavori straordinari già effettuati nello scorso esercizio, oltretutto senza mettere la sua richiesta all'ordine del giorno. Poiché ritengo che la richiesta dovesse essere contestuale alla delibera dei lavori, e che in ogni caso andasse messa all'ordine del giorno, chiedo se la delibera è annullabile, qualora venga impugnata entro 30 giorni, e se il comportamento scorretto dell'amministratore può essere in qualche modo sanzionato.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?