LAVORO NERO, SUCCESSIVE RIASSUNZIONI SENZA ESONERO

LA DOMANDA In seguito a una ispezione, avvenuta a marzo 2016, in un'azienda sono stati trovati quattro lavoratori "in nero". L'azienda stessa ha ricevuto la diffida ispettiva in base alla quale ha assunto i quattro a tempo pieno e indeterminato, senza poter fruire di alcuna agevolazione contributiva. Uno dei dipendenti si è poi dimesso, con dimissioni online, il 26 giugno e successivamente ha chiesto di essere riassunto dalla stessa azienda, cosa che è avvenuta - con contratto a tempo determinato - dal 12 settembre fino al 23 dicembre. Non avendo avuto, questo lavoratore, un contratto a tempo indeterminato da più di sei mesi, sarebbe possibile, in caso di trasformazione del contratto a tempo indeterminato, fruire dell'esonero contributivo biennale, o la prima assunzione "forzata" preclude questa strada?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?