LE REGOLE SUI GARAGE SI CAMBIANO A MAGGIORANZA

LA DOMANDA In un condominio, la tabella spese del cancello elettrico, approvata da circa un decennio all'unanimità, ripartisce tali spese in base al numero di box e di posti auto, indipendentemente dalle loro dimensioni. Ora un condomino, proprietario di un box, ne ha acquistato un altro adiacente e, ampliando le dimensioni del basculante, lo ha conglobato nel suo. In questo modo pretende di continuare a pagare per una sola unità, essendo uno solo il basculante. È vero che la tabella esistente non tiene conto dell'ampiezza del box o del posto auto, ma si riferiva ad un preciso e determinato numero di box. Se il numero di box viene diminuito, i proprietari che non hanno effettuato nessun accorpamento, sono costretti a pagare una cifra maggiore. Si chiede se la delibera che autorizza la ripartizione delle spese del cancello elettrico per una unità in meno, cioè togliendo il box che è stato incorporato, debba essere presa a maggioranza o all'unanimità.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?