DAL JOBS ACT LE SANZIONI PER IL LAVORO IN NERO

LA DOMANDA A seguito dell'accesso della Guardia di finanza presso uno studio medico, è stata rilevata la presenza di una persona addetta alla segreteria, irregolare, che sostituiva un altro dipendente in malattia. Il medico, due giorni dopo l’accesso ispettivo, ha provveduto a regolarizzare la posizione con contratto di somministrazione per la durata di una settimana, tempo che sarebbe servito per il decorso della malattia del dipendente sostituito. La Guardia di finanza ha, comunque, notificato alla parte il processo verbale di constatazione con irrogazione della maxisanzione e con diffida ad adempiere. Si chiede quali siano specificatamente le conseguente per il datore di lavoro che, a seguito di tale notifica, non dovesse adempiere alla diffida, considerato che si sta procedendo ad una valutazione di convenienza, visto anche il breve periodo di lavoro che la persona irregolare ha svolto.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?