IL GIUDICE FISSA UN TERMINE PER L'EREDE RETICENTE

LA DOMANDA Un box del nostro condominio ha accumulato notevoli spese, non pagate dagli eredi. Il box è stato pignorato, ma risulta nei registri immobiliari ancora intestato al de cuius. Il legale incaricato ci informa dei notevoli (non specificati) costi per aprire un incidente di cognizione ai fini di notificare agli eredi la fissazione di un termine per l'accettazione dell'eredità e così garantire continuità nelle trascrizioni; condizione posta dal giudice per avviare la vendita del bene.Il legale, per evitare ulteriori costi, chiede di valutare una richiesta al giudice dell'esecuzione di sospendere (fino a 24 mesi) la procedura esecutiva, così da verificare se nel frattempo intervenga l'accettazione dell'eredità. Che fare, visto che già ora le spese legali sono più del doppio del debito accumulato dagli eredi e che l'unico erede conosciuto appare e scompare?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?