NOTIFICA TELEMATICA A BUON FINE CON LA RICEVUTA

LA DOMANDA In merito alla risposta n. 26, pubblicata dall'Esperto risponde del 4 gennaio 2016, dal titolo «Destinatario senza Pec: serve una raccomandata», non mi trovo d'accordo sul suggerimento di procedere alla notifica a mezzo raccomandata tradizionale quando la Pec (posta elettronica certificata) non è valida.Se la Pec di un'azienda si evince da una visura camerale (o anche, senza pagare, dal sito del Registro imprese, chiedendo di visionare la Pec di una azienda, o dal sito ufficiale Ini-Pec), si invia tramite Pec una comunicazione, un invito o anche una intimazione di pagamento, e tale messaggio risulta non consegnato perché la Pec rilevata non risulta attiva o eventualmente è cambiata senza darne comunicazione, a mio avviso l'invio vale come andato a buon fine per il prosieguo di una qualunque causa, come se si inviasse per raccomandata la lettera all'indirizzo ufficiale ed essa tornasse indietro come "indirizzo sconosciuto".

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?