QUOTA DELL'ACCOMANDANTE TRASMISSIBILE MORTIS CAUSA

LA DOMANDA Ho due figlie che gestiscono un negozio di abbigliamento tremite una Sas (società in accomandita semplice). Entrambe sono socie accomandatarie, mentre mia moglie, che è deceduta, era socia accomandante. Abbiamo concluso la pratica di successione. Ora si pone il problema della Sas. Come soluzione per il nuovo socio accomandante, avrei deciso di subentrare io, com una quota del 2 per cento.Attraverso mia moglie, quando era socia accomandante, abbiamo finanziato la ditta nel corso di questo periodo di crisi. Considerando che sono pensionato, la soluzione prospettata sarebbe tesa anche ad assistere le figlie saltuariamente nella vigilanza dell'attività, anche per motivi di sicurezza, oltre a giustificare eventuali ulteriori finanziamenti ove occorressero.Questa soluzione è possibile?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?