DISTANZE, NORME APPLICABILI ALL'IMMOBILE CONDONATO

LA DOMANDA Un Comune ha rigettato la mia richiesta di permesso di costruire, con la motivazione che essa contrasta con i limiti di distanza tra fabbricati, dettati dal Dm 2 aprile 1968, n. 1444, richiamati anche dalle Nta (norme tecniche di attuazione) comunali. L’intervento riguarda la chiusura di un porticato, sito al piano terra di un fabbricato di tre piani, prospiciente un laboratorio artigianale. La distanza tra i due fabbricati è pari a 8,50 metri lineari. Si precisa che il fabbricato, costruito tra il 1981 e il 1985, è stato autorizzato con concessione edilizia del 1981, mentre il laboratorio, costruito nello stesso periodo, è stato condonato in base alla legge 47/1985. Può ritenersi legittima la determinazione assunta dal Comune, basata sull’applicazione di norme sulle distanze tra edifici che sono dettate per interventi non comprendenti fabbricati interessati da condono edilizio?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?