IL COMUNE RILASCIA LA DIA SENZA IL SÌ DEI CONDOMINI

LA DOMANDA Dovendo procedere alla ristrutturazione di un appartamento, inserito in un condominio di quattro unità abitative, senza amministratore, ho proposto agli altri condomini una limitata modifica alla scala condominiale al fine di spostare l'ingresso del mio appartamento, per una migliore fruizione degli spazi interni. Posto che l'articolo 1102 del Codice civile prevede che si possano apportare modifiche per il miglior godimento della cosa comune, purché ciò non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso, come si coniuga tale diritto con la richiesta del comune di presentare la richiesta ed i relativi progetti a firma di tutti i proprietari? Nel caso di specie, il diniego di un solo condomino non mi permette di presentare la domanda come richiesto dal comune: come posso procedere?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?