CALDAIA, NULLA LA DELIBERA CHE MANTIENE I CORRETTIVI

LA DOMANDA La delibera che preveda l'applicazione dei coefficienti correttivi nella ripartizione delle spese di riscaldamento è nulla. Allora perché, per eliminarli, è necessario impugnare questa delibera, che, in quanto nulla, equivale a una che non è mai stata adottata? Non sarebbe sufficiente che l'amministratore convocasse l'assemblea per comunicare l'irregolarità e, quindi, disponesse il ripristino della ripartizione secondo il Dlgs 102/2014, il cui articolo 9, comma 5, lettera d, non risulta modificato neppure dallo schema sottoscritto dalle Regioni il 16 luglio, e quindi è tuttora valido?Nel nostro condominio i beneficiati dai correttivi sono circa il 50% di tutti i condòmini: se, per deliberare, sono necessari i quorum previsti dall'articolo 1136 del Codice civile, potrebbe verificarsi una maggioranza che dice no all'eliminazione dei correttivi. È possibile?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?