LA SOLA CONVIVENZA NON CREA DIRITTI SUCCESSORI

LA DOMANDA Una mia amica convive di fatto, da circa dieci anni, con un vedovo con prole, nell'abitazione di quest'ultimo. La mia amica ha mantenuto la residenza presso la sua abitazione; lo status della convivenza di fatto si fonda solo su eventuali prove testimoniali.In caso di morte del convivente, la mia amica potrà vantare il diritto di abitazione nei confronti degli eredi legittimi dell'uomo?Ad esclusione del matrimonio vi è la possibilità di compiere atti che garantiscono alla mia amica il diritto di abitazione in caso di premorienza del convivente?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?