IN ASSEMBLEA NIENTE PENALI A CONDÒMINI MOROSI

LA DOMANDA L'assemblea condominiale ha definito uno scadenziario delle rate di versamento per gli oneri in funzione degli impegni verso fornitori, con delibera condominiale, adottoandolo con la maggioranza prevista dall'articolo 1136 comma 2, del Codice civile. Nella delibera si legge: «Ai condòmini morosi, nel versamento di quanto dovuto, sono calcolati e addebitati, pro quota, tenuto conto della scopertura e relativa durata, gli interessi moratori vantati dai fornitori per ritardi nel saldo delle fatture. Gli interessi, carico del condomino moroso, sono addebitati per oggettivo danno patrimoniale subìto dal condominio e riferibile al comportamento di singoli condòmini inadempienti, a prescindere dalle sanzioni per infrazioni al regolamento».Pertanto non si prevede una sanzione, ma il riparto pro quota di un danno subìto dal condominio per causa di condòmini morosi. Si tenga conto che la procedura contabile calcola i "numeri passivi" per scoperti dalla data di scadenza della rata.È legittima una simile norma regolamentare?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?