IL CONTRATTO APPLICABILE NEL CASO DI SCISSIONE

LA DOMANDA Una società artigiana attiva nel settore della produzione alimentare sta presentando un progetto di scissione parziale, omogenea, proporzionale, con contestuale costituzione di una nuova società ai sensi dell'articolo 2506 bis del Codice. La società scindenda applica attualmente per i suoi lavoratori, e continuerà a farlo, il contratto degli alimentaristi artigiani. La società beneficiaria eserciterà esclusivamente l'attività di commercio al dettaglio di prodotti alimentari e la loro somministrazione. Alcuni dei lavoratori della società scindenda, e in particolare quelli che attualmente sono in forza al ramo aziendale scisso, saranno trasferiti alla beneficiaria. Si chiede un parere circa la possibilità di continuare ad applicare il Ccnl degli alimentaristi artigiani anche ai lavoratori trasferiti nella nuova società commerciale, evitando un trattamento del personale più oneroso in termini di retribuzioni e contribuzioni, o se in alternativa sia possibile applicare quello del commercio a parità di Ral.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?