POSSIBILE UNA DILAZIONE PER LE RATE NON PAGATE

LA DOMANDA Con una raccomandata inviata a maggio 2015, l'amministratore del condominio di mia zia, deceduta il 20 dicembre 2014, reclama il pagamento di 1.892,76 euro, relativi a rate non pagate da mia zia per una serie di lavori. L'amministratore conclude così la sua missiva: «Spero che il versamento possa avvenire entro 10 giorni dal ricevimento della presente, altrimenti sarò costretto ad intraprendere le vie legali per il recupero del credito spese+ingiunzione». Mi chiedo se sia possibile che un'amministratore sia così "minaccioso" in primo avviso, passati solo cinque mesi dalla morte di una condomina. Posso chiedergli una dilazione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?