1. Civile

    Codice della strada, il pagamento in misura ridotta non blocca il ricorso

    di Fabio Piccioni

    Il pagamento in misura ridotta intervenuto dopo l'introduzione del ricorso non svolge alcuna influenza sul giudizio, a meno che non si accompagni da un comportamento positivo del ricorrente idoneo a manifestare l'intervenuta carenza di interesse alla prosecuzione dell'impugnazione. Lo ha stabilito il Giudice di Pace di Firenze con la sentenza 589/2017.
  2. Civile

    L'anziano del superattico ha diritto all'ascensore al piano

    di Francesco Machina Grifeo

    L'abbattimento delle barriere architettoniche legittima la sopraelevazione dell'impianto dell'ascensore e l'ampliamento della scala padronale, da parte del proprietario del superattico,
    anche se il regolamento dell'edificio subordina all'autorizzazione del condominio qualunque opera che interessi le strutture portanti dell'edificio. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 28 marzo 2017 n. 7938
  3. Civile

    Extracomunitari, “protezione umanitaria” anche per il sospettato di gravi reati

    di Francesco Machina Grifeo

    La «protezione sussidiaria» non può essere riconosciuta se ci sono fondati motivi per ritenere che lo straniero abbia commesso, al di fuori del territorio nazionale, un reato grave. Tuttavia, proprio l'alto rischio che egli finisca in carcere nel paese d'origine, dove non sono rispettati i diritti dei detenuti e viene praticata la tortura, può condurre al riconoscimento della «protezione umanitaria», che si caratterizza per essere una misura temporanea ritagliata sulle condizioni specifiche del richiedente
  4. Civile

    Circonvenzione di incapace: contratto nullo perché in contrasto con una norma imperativa

    a cura della Redazione PlusPlus24 Diritto

    Q
    D
    D Contenuto esclusivo QdD
    Il “grave pregiudizio” costituisce un requisito obiettivo e del tutto autonomo rispetto alla condizione dell'autore. Allo stesso modo opera la malafede dell'altro contraente, per integrare la quale non è affatto richiesto di concorrere nella realizzazione della condizione d'incapacità soggettiva dell'altro autore dell'atto, essendo sufficiente essere a conoscenza di tale condizione