Tributario

La solidità dell’azienda non blocca la misura

di Laura Ambrosi

Il sequestro preventivo, volto a garantire l'eventuale successiva confisca, ha quale unico presupposto la sussistenza di un'ipotesi di reato tributario, con la conseguenza che per la sua richiesta non influisce né l'assenza di fraudolenza né la solidità patrimoniale del contribuente. Pertanto, l'eventuale buona fede ovvero l'elevata disponibilità di somme di denaro o altri beni idonei a garantire in caso di accertamento della responsabilità il debito che il contribuente ha con l'erario, non sono sufficienti ad evitare la misura cautelare. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?