Tributario

Imposte non pagate: va provato che la causa è il ritardo della Pa debitrice

di Rosanna Acierno

Sono legittime e, pertanto, dovute le sanzioni comminate dall’ufficio nella misura del 30% in caso di tardivi versamenti, se il contribuente – pur addebitando la violazione alla carenza di liquidità per il mancato pagamento da parte della Pa – non è in grado di dimostrarlo in maniera puntuale. Tale circostanza, se genericamente invocata, non rappresenta una causa di forza maggiore idonea a escludere l’elemento soggettivo dell’omesso o tardivo versamento delle imposte. Sono queste le ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?