Tributario

L’erede fa valere il «rosso» sul conto in banca

di Fabrizio Cancelliere e Gabriele Ferlito

Per determinare l’imposta di successione esiste un principio generale di deducibilità dalla massa ereditaria dei debiti del de cuius, esistenti alla data di apertura della successione, purché debitamente documentati secondo le modalità di legge. Risultano indeducibili solamente alcuni debiti specifici, come quelli contratti dal de cuius per l’acquisto di beni o diritti non compresi nell’attivo ereditario. In caso di contestazione, inoltre, non spetta al contribuente dimostrare che il debito è inerente ai beni o diritti compresi nell’attivo ereditario, ma ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?