Tributario

Mutui, la stangata della Cassazione

di Angelo Busani

L’imposta sostitutiva dello 0,25% sul capitale erogato non è applicabile al contratto di mutuo contenente una clausola che consente all’istituto mutuante di recedere per un «giustificato motivo» (di solito presente, seppur con diverse sfaccettature, in qualsiasi contratto di finanziamento). Va tassato, invece, con l’imposizione ordinaria e cioè, tra l’altro, con l’ipotecaria ad aliquota al 2% sull’importo garantito e, quindi, con un carico fiscale maggiorato di oltre il 1.600 per cento. È quanto sorprendentemente deciso dalla Cassazione nella sentenza ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?