Tributario

Il preavviso di ipoteca non vuole motivazioni

di Guido Chiametti

Il preavviso di ipoteca va comunicato al debitore, ma non deve essere motivato. Lo dice a chiare lettere la sentenza 33/24/2015 della Ctr Lombardia (presidente e relatore Ceccherini), secondo cui il preavviso equivale alla notifica del titolo esecutivo con il quale ha inizio l’espropriazione forzata immobiliare. Questo orientamento si incanala nel solco di quanto deciso dalla Corte di cassazione con la sentenza 19667/2014. La questione risulta oltre che di estrema attualità, nella pratica molto diffusa, a causa ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?