Tributario

Le responsabilità della «sostitutiva»

di Carlotta Benigni e Antonio Tomassini

Chi aderisce alla voluntary deve rilasciare al professionista una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, che attesti che gli atti e i documenti consegnati, nonché le informazioni fornite, sono veritieri. La dichiarazione sostitutiva ha evidentemente il fine di introdurre una forma di garanzia per tutti gli “attori” della disclosure, soprattutto se si pensa che con la collaborazione volontaria è stato introdotto un nuovo reato per il quale il contribuente che presenti all’Ufficio dell’agenzia delle Entrate atti e documenti ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?