Professione

Censura per l'avvocato che fraziona inutilmente gli atti di intervento

di Patrizia Maciocchi

E’ scorretto l’avvocato che moltiplica gli atti di intervento nei confronti della stessa controparte facendo lievitare le spese processuali per il debitore. Le Sezioni unite della Cassazione, con la sentenza 21948 depositata ieri, respingono il ricorso del legale censurato dal Consiglio nazionale forense per aver violato l’articolo 49 del codice deontologico, ricorrendo a plurime iniziative giudiziali nell’ambito di una procedura esecutiva nei confronti di una Asl. L’indagine del Consiglio dell’ordine locale aveva preso le mosse da una ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?