Professione

Il valzer delle poltrone negli studi legali

di Elena Pasquini

La scelta di mettersi “in proprio” ha connotazioni tutte al femminile nel caso di ECR Legal , nuova insegna specializzata in diritto dell’Unione europea, diritto della concorrenza e regolamentazione dei mercati. Qui le avvocatesse hanno un trascorso in primari studi legali italiani e internazionali e la volontà di mettere in piedi una struttura snella, dinamica e a elevato livello di specializzazione

Nuove insegne sotto i riflettori del mondo legale italiano. Studi specializzati, ristretti nel numero di professionisti, versatili e flessibili per potersi rivolgere direttamente ai clienti e alle law firm che non hanno al proprio interno una competenza specifica in quella materia.

La scelta di mettersi “in proprio” ha connotazioni tutte al femminile nel caso di ECR Legal, nuova insegna specializzata in diritto dell’Unione europea, diritto della concorrenza e regolamentazione dei mercati. Quattro i soci fondatori. Anzi, le socie: Claudia Cattarin, Flora Santaniello, Gabriella Scionti e Adele Sodano .
In comune, le avvocatesse hanno un trascorso in primari studi legali italiani e internazionali e la volontà di mettere in piedi una struttura snella, dinamica e a elevato livello di specializzazione. Due le sedi, Roma e Bruxelles, scelte in funzione della localizzazione strategica rispetto alla consulenza in materia di concorrenza e diritto Ue. Innovativo il target di clienti individuato, visto che la proposta di servizi di consulenza di alto profilo è pensata tanto per le imprese che per gli studi legali privi di una competenza antitrust e regolamentare interna.

Apertura di battenti in corso anche per Giuliano Sollima, avvocato per oltre 22 anni in Sciumè e Associati e ora fondatore della nuova boutique GSLex. Diritto societario, del lavoro, previdenza sociale, contenzioso fiscale e contrattualistica le aree di attività dello studio.

Un tassello ulteriore nel puzzle dell’assistenza giudiziale e stragiudiziale dello studio Morri Cornelli e Associati ha nome e cognome. L’ingresso di Francesco Rubino coincide infatti con l’apertura del dipartimento di penale e responsabilità amministrativa degli enti, ampliando la consulenza dello studio alle implicazioni di carattere penale connesse all’attività di impresa, con particolare riguardo ai profili tributari e ai fenomeni delittuosi che si realizzano in occasione dello svolgimento di attività economiche, commerciali, industriali e professionali.
Rubino porta nella law firm la propria attività di studio e analisi nel settore attraverso l’esperienza in molteplici Organismi di Vigilanza affiancata da un’intensa attività processuale.

Intanto la Cina continua ad affascinare i legali italiani. Dopo un’esperienza di otto anni nel Paese del Sol Levante per Chiomenti, Amedeo Celori entra come partner in Boss & Young, uno degli studi legali cinesi leader del mercato nazionale , con circa 260 professionisti e sedi a Shanghai, Pechino, Chongqing, Wuhan e Nanchino. Celori coordinerà da Shangai l’assistenza in favore delle aziende italiane che operano in Cina e di quelle cinesi con investimenti in Italia.

Ruolo di coordinamento su scala globale nel settore dell’energia, in affiancamento al partner Bob Gruendel (con sede a New York) per Francesco Novelli , già responsabile del gruppo dedicato di DLA Piper in Italia. Il team di oltre 200 professionisti opera in oltre 30 giurisdizioni: il settore è considerato tra i fondamentali per lo studio ma, per investimenti e progetti, rientra tra quelli con la maggiore necessità di una competenza che superi le dimensioni nazionali e, talvolta, continentali. «Attraverso il proprio Energy Sector – ha affermato Novelli -, DLA Piper si candida ad essere un attore primario nei processi di investimento e riqualificazione che impegneranno i maggiori operatori internazionali».

Sceglie il lavoro in azienda Francesca Covone , dopo 13 anni da libera professionista in Hogan Lovells. La sua specializzazione nelle materie degli appalti pubblici e delle concessioni, anche in project financing, è un’utile base per il nuovo compito nel team dirigenziale in Terna: l’avvocato è stato delegato agli affari legali e societari.

Oltre la professione – Per il secondo anno consecutivo LCA supporterà il Premio Emergent di MIART 2015, che incorona la migliore galleria emergente nel panorama artistico contemporaneo. In concomitanza lo studio inaugurerà presso la propria sede milanese una mostra di disegni e installazioni scultoree di Chiara Camoni, dal titolo "Del questo e del quello, del sé e dell'altro, come tutto”.

DLA Piper sceglie l’innovazione come occasione di networking e sostiene il Galileo Festival di Padova, con i professionisti dedicati all'assistenza legale nelle nuove tecnologie e specializzati nelle aree IT, comunicazioni, media, proprietà intellettuale e diritto commerciale. In occasione dell’evento “L’innovazione non è solo tecnologia: e-commerce, retail, logistica”, è previsto l’intervento dell’avvocato Giangiacomo Olivi , partner responsabile del dipartimento Intellectual Property and Technology.

Dibattito strettamente professionale per Luca Failla , founding partner dello studio legale LABLAW, all'Annual Employment and Discrimination Law Conference organizzato dall'International Bar Association. Failla, insieme a Caroline Andre–Hesse di Altana Paris, è stato moderatore della sessione "New labour and employment laws in southern and eastern European countries: is there a trend to harmonisation within the European Union".


© RIPRODUZIONE RISERVATA