Professione

Il pagamento «contestuale alla firma» del contratto può avvenire senza notaio

di Paolo Tonalini

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

La frase “il pagamento è avvenuto contestualmente alla firma” contenuta all'interno di un atto pubblico non certifica che il pagamento è avvenuto alla presenza del notaio rogante, dunque, non è fonte di prova sino a querela di falso. Lo ha affermato la Corte di Cassazione nella sentenza del 16 ottobre – 27 novembre 2014, n. 25213 . Ricordiamo che, a norma dell'art. 2700 c.c . (Efficacia dell'atto pubblico), l'atto pubblico fa piena prova, fino a querela di falso, della ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?