Professione

Sì alla parcella per obiettivi se proporzionata all'attività svolta

Francesco Machina Grifeo

Nella definizione del proprio compenso, il legale, in accordo con il cliente, può decidere di ancorare percentualmente la parcella al valore dell'affare, ma nel farlo deve rispettare un criterio di «proporzionalità» rispetto all'attività svolta. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 25012/2014 , rigettando il ricorso di un avvocato contro la decisione del Consiglio nazionale forense che gli aveva comminato la sanzione della censura per aver redatto una scrittura privata che l'autorizzava a trattenere il 30% ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?