Professione

HANDICAP E CONGEDO: 8 ANNI DALLA DATA DELL'AFFIDO

LA DOMANDA L'articolo 33 del Dlgs 26 marzo 2001, n. 151, prevede che, «per ogni minore con handicap in situazione di gravità accertata ai sensi dell'articolo 4, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, la lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre, hanno diritto, entro il compimento dell'ottavo anno di vita del bambino, al prolungamento del congedo parentale, fruibile in misura continuativa o frazionata, per un periodo massimo, comprensivo dei periodi di cui all'articolo 32, non superiore a tre anni...». L'articolo 36, al comma 2 dello stesso testo, recita: «Il congedo parentale può essere fruito dai genitori adottivi e affidatari, qualunque sia l'età del minore, entro otto anni dall'ingresso del minore in famiglia, e comunque non oltre il raggiungimento della maggiore età».Per un bambino disabile con situazione di gravità, di 10 anni, in affidamento da quattro anni alla la nostra famiglia, il limite citato di otto anni va riferito all'età anagrafica o scatta dal momento dell'ingresso in famiglia? Filippo BIANCHINI - SIENA

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?